Ti hanno mai consigliato un blog aziendale?

Un blogger ti ha mai contattato chiedendo di poter testare i tuoi prodotti?

Se ti sei trovato davanti a uno di questi possibili scenari, sicuramente ti sei chiesto cos’è un blog e questa è probabilmente la prima risposta che hai trovato…

camperturista su ipad_SnapseedIl termine blog è la contrazione di web-log, ovvero “diario in rete”. Nel gergo di Internet, un blog (blɔɡ) è un particolare tipo di sito web in cui i contenuti vengono visualizzati in forma cronologica. In genere un blog è gestito da uno o più blogger che pubblicano, più o meno periodicamente, contenuti multimediali, in forma testuale o in forma di post, concetto assimilabile o avvicinabile ad un articolo di giornale. (Wikipedia)

Tutto chiaro? Mica tanto…insomma si sente tanto parlare di blog e di blogger ma che roba sia veramente è mistero per i più.

Ti risparmiamo la storia del genere che puoi leggerti in tutta tranquillità sempre su Wikipedia Blog e cerchiamo piuttosto di illustrati le sue peculiarità e utilità, per capire se e come può essere utile alla tua azienda.

Guarda questo video:

[video_embed maxwidth=”900″][/video_embed]

Avrai ormai capito che il blog è per lo più un insieme di contenuti. Siano essi, testi, foto o video, i contenuti di un blog esprimono opinioni e concetti e proprio per questo suscitano interesse nel loro pubblico. Naturale quindi che i blog siano tematici, ovvero che trattino di argomenti specifici e che i lettori si affezionino all’uno all’altro a seconda dei propri interessi.

Giallo Zafferano, esploso negli ultimi anni è il blog più amato dagli affamati di ricette sempre nuove, il blog di Beppe Grillo non ha bisogno di commenti, per non parlare dei blog di moda… ne spunta uno al giorno proprio come i funghi e le blogger sono diventate i nuovi idoli delle folle di fashion addicted, e le più corteggiate dagli stilisti, come Chiara Ferragni e la sua Blond Salad.

Ma adesso è opportuno farci una domanda: perché in qualità di lettori ci affezioniamo ad un blog? Il motivo è semplice: tra noi e il blogger si crea un rapporto di empatia, se quello che dice e che fa ci piace, diventa un po’ il nostro eroe personale, complice anche il modo cordiale e colloquiale con cui si pone in contatto con noi che ce lo fa sembrare un tipo tanto alla mano… e poi last, but not least, non dimentichiamo la possibilità di commentare e di dire la nostra, una grandissima opportunità che ci avvicina ancora di più all’autore dei post.

Adesso poi ci si sono messi anche i social network…non c’è blogger che si rispetti che non sia uno e trino almeno sui tre social più seguiti (Facebook, Instagram e Youtube), per cui non c’è scampo, ogni aggiornamento del blog esce anche in simultanea sui socials per cui, (non so se ve ne siete già accorti) non sei più tu a seguire il blog, ma è il blog a seguirti riproponendosi alla tua attenzione in tutte le salse, ogni volta che metti il naso nella rete.

Tutto chiaro adesso? Chissà…speriamo almeno di averti dato qualche spunto in più per farti sentire come quello che la rete la tiene in mano e non come quello che ci casca semplicemente dentro.