Finalmente il governo ha trovato un modo per dire basta alle fughe di cervelli, e ha deciso di erogare un contributo per tenerli sempre connessi!
Le piccole e medie imprese possono tirare un sospiro di sollievo: è in arrivo un contributo di 10.000 € per la digitalizzazione
Non è un pesce d’aprile fuori stagione, il bando dovrebbe uscire entro la fine di gennaio, ma la Gazzetta Ufficiale ha già pubblicato il decreto: i contributi per l’ammodernamento tecnologico delle aziende ci saranno!

shutterstock_236629843Finalmente una bella notizia, con la speranza che il nuovo anno sia più roseo di quello passato.
Ma siccome chi visse sperando…morì… (non si può dire) veniamo al sodo e vediamo quali spese andrà a coprire il voucher promesso dal governo:
  1. l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano il miglioramento dell’efficienza aziendale;
  2. la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro
  3. lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  4. la connettività a banda larga e ultralarga;
  5. il collegamento alla rete mediante la tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole, nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l’accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terrestri o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibili economicamente o non realizzabili;
  6. la formazione qualificata del personale
E bravi! Certo non ci vogliono dei geni per capire che il futuro delle aziende sta tutto nel quanto saranno abili ad espandere i propri confini, sia fisici che mentali, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie.
Ma come si fa a fare domanda per il contributo?
Innanzitutto bisogna attendere l’uscita del bando, attesa per i primi di gennaio e poi sbrigarsi a fare domanda, perché vige come sempre che chi prima arriva meglio alloggia…soprattutto perché il limite è ovviamente quello delle risorse disponibili, quindi è bene non arrivare al limite dell’esaurimento scorte.
Una volta presentati i documenti richiesti con allegati i preventivi della spesa da sostenere, sul sito del ministero (www.mise.gov.it) ci sarà solo da aspettare il contributo che sarà versato in un unica soluzione.
Insomma con il voucher in tasca saremo in molti a poter compiere il primo passo di un lungo cammino…
Avete bisogno di una mano per non perdervi nei meandri della burocrazia e di una consulenza per salire con sicurezza i primi scalini che porteranno la vostra azienda sulla buona strada della digitalizzazione? Possiamo farvi da guida e procedere insieme…si sa, l’unione fa la forza!