Hai già sentito parlare di industria 4.0?
L’espressione Industrie 4.0 è stata usata per la prima volta alla Fiera di Hannover nel 2011 in Germania, ma non esiste ancora una definizione esauriente del fenomeno. In sostanza è semplicemente l’effetto tangibile della quarta rivoluzione industriale: ovvero il processo che porterà alla produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa.
Al centro di tutto i big data che ci troveremo a gestire

BigData-1
Le prime tre rivoluzioni industriali universalmente riconosciute hanno portato cambiamenti profondi in tempi piuttosto lunghi:
  1. nel 1784 con la nascita della macchina a vapore e di conseguenza con lo sfruttamento della potenza di acqua e vapore per meccanizzare la produzione;
  2. nel 1870 con il via alla produzione di massa attraverso l’uso sempre più diffuso dell’elettricità, l’avvento del motore a scoppio e l’aumento dell’utilizzo del petrolio come nuova fonte energetica;
  3. nel 1970 con la nascita dell’informatica, dalla quale è scaturita l’era digitale destinata ad incrementare i livelli di automazione avvalendosi di sistemi elettronici e dell’IT (Information Technology).
La quarta, quella che stiamo vivendo, caratterizzata dalle tecnologie digitali, avrà nel giro di pochi anni un impatto profondo sulla società, oltre che sull’economia:
  1. L’utilizzo dei dati: ovvero raccolta per la centralizzazione delle informazioni e la loro conservazione.
  2. Gli analytics: ovvero l’analisi dei dati. Oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, dalle macchine cioè che perfezionano la loro resa “imparando” dai dati via via raccolti e analizzati.
  3. L’interazione tra uomo e macchina, che coinvolge le interfacce “touch”, sempre più diffuse, e la realtà aumentata.
  4. Il passaggio dal digitale al “reale”, che comprende la manifattura additiva, la stampa 3D, la robotica, le comunicazioni, le interazioni machine-to-machine e le nuove tecnologie per immagazzinare e utilizzare l’energia, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni.
Sei curioso di sapere quali scenari si prefigurano in questa epoca di grandi cambiamenti? Di sicuro cambieranno le competenze e le abilità ricercate: il problem solving sarà la soft skill più ambita. È il momento di attivare pensiero critico e la creatività…seguici nel nostro percorso formativo…stay tuned!
Choose the future for your business: join the 4.0 revolution!