Una volta definito un marchio e un logo ecco che arriva tutto il resto, ovvero l’immagine coordinata o corporate identity. “Coordinata” lo dice la parola stessa deve essere la grafica di tutto ciò che si produce inerente a quel brand. Ecco perché noi addetti ai lavori sentiamo un brivido freddo percorrerci la schiena quando ci troviamo davanti ad una comunicazione visiva eterogenea sullo stile di una “sagra di fonts e colori”.
Biglietti da visita, carta intestata, buste, depliants, brochures, volantini, locandine, manifesti, pagine pubblicitarie, sito web…tutto deve essere immediatamente riconoscibile come  appartenente ad una stessa famiglia. Questo perché il brand deve essere immediatamente riconoscibile da tutti, su qualsiasi supporto e documento. Le regole sono semplici: l’immagine è coordinata quando i differenti supporti comunicativi sono coerenti l’uno con l’altro. Questo implica utilizzare il logo in una posizione definita, colori, fonts (caratteri tipografici) ed elementi grafici sempre uguali.