Che cos’è un social-commerce? Una grande vetrina dove i sogni prendono corpo e diventano desideri, dove si finisce per comprare non quello che si stava cercando, ma quello che ancora non si sapeva di volere.
Bello, no? Ma come si fa a convincere qualcuno a comprare qualcosa di cui non ha davvero bisogno?  Ebbene sì, la parola magica è proprio in quel “social” al posto della solita  “e” a cui tutti siamo abituati.

Un esempio vincente?
Fab è un design store: bellissima grafica, oggetti originali e “sfiziosi”, da acquistare con sconti tra il 30 e il 70%, con una disponibilità limitata a 72 ore (cosa che già di per sé invoglia all’acquisto, soprattutto quando si è di fronte ad oggetti che non costano troppo). Inoltre ha un’ottima user experience: navigazione semplice, immagini grandi e invitanti, indispensabili per un sito che vende oggetti di design ed è accessibile anche senza essere registrati. L’iscrizione è richiesta solo al momento dell’acquisto.
E fin qui tutto normale, ce ne sono a migliaia di e-commerce così.
 
Ma Fab ha una caratteristica che lo differenzia da altri online store di design: il vero plus è il cuore social di tutto il progetto.
Fab è stato fondato nel febbraio 2010 da Jason Goldberg. Inizialmente si chiamava Fabulis ed era nato come rete social gay. A giugno 2011 c’è stata una grande trasformazione di mission e nome: Fabulis diventa Fab con il suo attuale modello di ispirazione e vendita di oggetti di design.
Da allora il successo è stato incredibile: da 1,5 milioni di iscritti a Dicembre 2011 a 10 milioni nel dicembre 2012; passando da 2.000 a 15.000 prodotti, con 5 pezzi venduti al minuto e toccando più volte il milione di dollari in un giorno.
 
Sono proprio i social network il fattore chiave della sua rapida crescita.
Feed Live, una serie di Mi piace e raccomandazioni social che permettono di esplorare le offerte in corso, e scoprire cosa gli amici stanno acquistando o gradendo, hanno portato online l’esperienza dello shopping reale, un po’ come quando si passeggia per negozi e ci si ferma per far vedere ad un amico qualcosa che ci piace in una vetrina.
L’inspiration wall, è un muro su cui postare ciò che amiamo e che definiamo design: utilissima idea per gli appassionati di design, che non aspettano nemmeno di ricevere le news, ma vanno letteralmente a caccia di offerte condividendo sui socials tutto quello che trovano di interessante.
 
Vogliamo essere realistici? Oggi oltre il 50% degli utenti di un sito web proviene dalla condivisione social…e crearsi un’immagine e una reputazione on line è l’unica strategia di marketing credibile. Fab docet…